Dedicato a........

Questa è uno dei miei primi scatti, una domenica di relax in famiglia e l'emozione di avere il permesso da mio Papà di usare la sua Reflex, una Petri a pellicola con un medio zoom 50 - 170 mm  a pompa Mi aveva spiegato che dovevo regolare il diaframma per fare in modo che l'indicatore a lancetta fosse centrato per una corretta esposizione. Non era una cosa "normale" che mi avesse spiegato qualcosa e che mi avesse affidato la sua Reflex. Il nostro è sempre stato un rapporto particolare, il suo un grandissimo Amore però mai espresso con  parole o atti. E quindi anche il mio era un immenso Amore ma mai espresso. Quasi come se  un Uomo si dovesse vergognare di mostrare i propri sentimenti. Il risultato era un Padre ed un Figlio  impegnati in una eterna competizione: Lui Laziale? Io Interista. Lui di Destra? Io di Sinistra. Lui diceva bianco? Io nero. Sempre così, dialoghi continui, un confronto intenso  che mi ha permesso di crescere, ma sopratutto di "essere". Da Lui si imparava dal suo esempio. Lui era sempre li, vicino, un passo dietro di te; sapevi che se avessi avuto bisogno bastava girarsi. Anche la passione per la fotografia è derivata da lui, dalla voglia di emularlo nel manovrare quello strano oggetto. Come quella Domenica e questo scatto.

Queste foto sono dedicate a te, Papà, tanto lo so che sorridi compiaciuto dietro le mie spalle.